Mario Castelnuovo-Tedesco | Morning in Iowa

Morning in IA

Mario Castelnuovo-Tedesco

Morning in Iowa op. 158. Incidental music to a narrative poem by Robert Nathan
for clarinet, accordion, guitar, double bass and percussion

Edited by Lorenzo Micheli
Score and Parts sold separately (pp. 246+41+67+31+29+29)

Bèrben E.5736B.
Ancona, 2010

PREFACE

There are some books we are prepared to search for and wait for, without hurrying, generation after generation: books which – we know – will speak to us on the day we read them as though they had just been written. One such book is Una vita di musica, the autobiography of Mario Castelnuovo-Tedesco, written intermittently between December 1942 and May 1966 and published almost forty years later by the small publisher Cadmo. A highly refined literary exercise, an extraordinary historical document and, above all, an inexhaustible anthology of the author’s reflections on Western musical culture in the first half of the twentieth century, this volume of memoirs gave a new, strong impulse to rediscover some of the lesser-known works of the Florentine master.

In its musical ambitions and in the circumstances of its composition, Morning in Iowa is exactly one of these “minor” works; however, the composer demonstrated he was very attached to this work, so much so that he gave it one of the 117 chapters into which Una vita di musica is divided. Thus, in 2006, inspired by curiosity for the unconventional literary source and by the unusual grouping of instruments, I began to trace the score, buried – together with hundreds of others –  within the Library of Congress in Washington, where the whole Castelnuovo-Tedesco Collection has been held since 2000 (in accordance with the desires of the composer’s son, Lorenzo, and his daughter-in-law, Lisbeth). An early attempt to obtain access to the text proved unfruitful: the autograph manuscript of Morning in Iowa, trapped in the crowded limbo of the “non catalogued” manuscripts, seemed condemned to long years of oblivion. Then, unexpectedly, all the tesserae of the mosaic came together: the meeting with Lisbeth Castelnuovo-Tedesco in her New York home, the intervention of the librarian responsible for the Castelnuovo-Tedesco Collection, Catherine C. Rivers, a big help from Massimo Felici and a dash of luck led to the finding of the texts which include, among other things, the complete score, an adaptation for piano and the individual parts (the latter prepared by a different person and polluted by numerous copying errors).

Morning in Iowa is conceived as a sequence of 36 short musical pictures designed to accompany the narration of the poem of the same name by Robert G. Nathan (1894-1985). Nathan – who after his youthful debut with the novel Peter Kindred obtained critical fame and recognition thanks to The Bishop’s Wife – published Morning in Iowa in 1944: this narrative poem tells, in delicate shades and with a spare vocabulary that draws above all on the sphere of nature and the landscape, the journey by two young people across America, their completely fortuitous meeting in Iowa on the banks of the Mississippi river, at the end of wanderings worthy of a hellenistic novel, and their falling in love. In the year of the Allied landings on the coast of Western Europe, Morning in Iowa represents an enthusiastic and moving celebration of the most authentic values of American culture and society.

Some years afterwards, following the fashion of concert-readings, the writer planned public readings of the poem enriched by an especially composed musical comment. Among the candidates for the accompanying music, Mario Castelnuovo-Tedesco was chosen. The composer, fascinated by Nathan’s ability to relate America in its most authentic aspects, willingly accepted the commission and worked with his usual speed, writing the first draft of the work between 31 December 1952 and 26 January 1953 and completing the orchestration between 28 April and 9 May 1954. A few years later, he would write regarding the poetic text: 

It is difficult to say where its fascination lies: since the action is extremely simple and almost non-existent. […] But what there is, is an extraordinary atmosphere: above all there is this sense of migration and wandering which is so characteristic of American youth, this vague sense of discontent that drives them to adventure. And then there is this admirable sense of landscape, of distances, of great spaces.

The score bears no indications on how it is to be staged, to the point that it is difficult even to understand whether the authors thought of the relationship between music and text as a relationship of superimposition or of juxtaposition. In contrast to what happens in other works by this composer, as in the later Platero y yo (in which the combination of the individual words of the text and the music is determined with great precision, almost syllable by syllable), Morning in Iowa does not establish a precise correspondence between poetry and notes. Every musical piece is identified with the verses of the section for which it was composed: in practical terms, this may mean that the musical accompaniment must begin exactly on those verses, or else (as seems more probable) that the piece was conceived to constitute a general background to that fragment of text, and thus it can be moved backwards and forwards at the discretion of the interpreters. Some pieces, like Mary Hilda’s theme, can just as effectively precede the reading of the verses to which they refer, so as to prepare the reader for the characters’ entry onto the stage, or be completely superimposed on the narration; other, very short ones, can be used without the narrator’s intervention, so as to create a bridge between different scenes; still other, long and complex, pieces (as in the case of The rain), lend themselves to a reading which is rich in pauses and reprises. Perhaps we can hypothesise an elastic solution, in which text and music proceed now perfectly synchronously – “organised” beforehand between narrator and musicians –, now with greater freedom, with alternating moments of independence and total fusion.

[The work] is likeable and fresh, and I believe that it could have much success. But above all I’d enjoy showing my American colleagues that, if I wish, I can be more American than they are.

The music of Morning in Iowa bears witness in an exemplary way to that eclecticism marking many of Castelnuovo-Tedesco’s works in the forties and fifties. In this work, the composer merges his unmistakeable vein of melancholy with his mastery of heterogeneous technical elements (taken from the popular North American and European tradition, from the tradition of the American Indians, from Blues and Country), achieving a formidable musical synthesis: a synthesis with an authentical “American” flavour which sheds light on that tormented path of assimilation completed by many European intellectuals forced by war to redefine their role and their cultural identity in the New World.

Lorenzo Micheli – Milan, November 2010

For a more thorough reflection on the themes treated in this preface, see:

Lorenzo Micheli, Mario Castelnuovo-Tedesco: una vita di musica, in Il Fronimo, nos. 137-142, Edizioni Il Dialogo, Milan 2007-2008.

Apart from a few corrections ex ingenio, this edition faithfully presents the text of the autograph manuscript of the score, including some passages that cannot be played – because of technical issues – both in the guitar and the accordion part.

My most sincere thanks go to all those who over the years have helped me to bring this work to completion: Lisbeth Castelnuovo-Tedesco and Angelo Gilardino; Catherine C. Rivers and all the Music Division of the Library of Congress; Massimo Felici, who studied every detail of the score and made a crucial contribution to solving the enigma of the relationship between musical text and poetic text; Giorgio Dellarole, without whose work the accordion part would have remained an undecipherable mystery; David Knopfler, who took Morning in Iowa to his heart right from the first moment and performed on the first CD recording; Angelo Montanaro, Daniele Depascalis and Daniele Vineis, who gave a body in sound to the score.

Prefazione

Ci sono libri che siamo disposti a cercare e ad aspettare, senza fretta, generazione dopo generazione: libri che, lo sappiamo, ci parleranno sempre come se fossero stati appena scritti. Una vita di musica, l’autobiografia di Mario Castelnuovo-Tedesco redatta a più riprese tra il dicembre 1942 e il maggio 1966 e pubblicata quarant’anni più tardi dal piccolo editore fiesolano Cadmo, è uno di questi libri. Raffinatissimo esercizio letterario, straordinario documento storico e, soprattutto, florilegio inesauribile di riflessioni d’autore sulla cultura musicale occidentale nella prima metà del Novecento, il volume di memorie ha dato un nuovo, forte impulso alla riscoperta di alcuni fra i lavori meno noti del maestro fiorentino.

Morning in Iowa è, per ambizioni artistiche e circostanze di composizione, proprio uno di questi lavori “minori”: e, tuttavia, a Morning in Iowa Castelnuovo-Tedesco dimostra di essere molto legato, a tal punto da dedicargli uno dei 117 capitoli in cui è articolata Una vita di musica. Così l’autore di questa nota, mosso dalla curiosità per la fonte letteraria poco convenzionale e per l’organico strumentale stravagante, all’inizio del 2006 si mette sulle tracce della partitura, sepolta – insieme a centinaia d’altre – fra le pareti della Biblioteca del Congresso di Washington, dove l’intera Castelnuovo-Tedesco Collection ha trovato ospitalità nel 2000 per volere del figlio del compositore, Lorenzo, e della nuora Lisbeth. Un primo tentativo di avere accesso al testo si rivela infruttuoso: l’autografo di Morning in Iowa, intrappolato nell’affollato limbo dei manoscritti “non catalogati”, sembra essere destinato a lunghi anni di oblio. Poi, improvvisamente, tutte le tessere del mosaico si ricompongono: l’incontro con Lisbeth Castelnuovo-Tedesco nella sua casa di New York, l’intervento della bibliotecaria responsabile della Castelnuovo-Tedesco Collection, Catherine C. Rivers, l’aiuto di Massimo Felici e un pizzico di fortuna conducono al ritrovamento di un gruppo di testi che include tra l’altro la partitura completa, una riduzione pianistica e le parti staccate (queste ultime redatte da una mano diversa e inquinate da numerosi errori di copiatura).

Morning in Iowa è concepito come una sequenza di 36 quadri musicali di breve durata destinati ad accompagnare la narrazione dell’omonimo poema di Robert G. Nathan (1894-1985). Nathan – che dopo l’esordio giovanile con il romanzo Peter Kindred ha ottenuto la notorietà e il riconoscimento della critica grazie a The Bishop’s Wife – dà alle stampe Morning in Iowa nel 1944: questo poema narrativo (secondo la definizione dello stesso autore) racconta, con tinte tenui e un lessico asciutto che attinge soprattutto alla sfera della natura e del paesaggio, il viaggio attraverso l’America di due giovani, il loro incontro del tutto casuale sulle rive del Mississippi in Iowa, al termine di peregrinazioni degne di un romanzo ellenistico, e il loro innamoramento. Nell’anno dello sbarco alleato sulle coste dell’Europa continentale, Morning in Iowa rappresenta una celebrazione entusiasta e struggente dei valori più autentici della cultura e della società americane.

Qualche anno più tardi, seguendo la moda dei concert-readings, lo scrittore progetta delle letture pubbliche del poema arricchite da un commento musicale appositamente composto. Tra i tanti nomi possibili per le musiche di scena viene scelto quello di Mario Castelnuovo-Tedesco. Il compositore, affascinato dalla capacità di Nathan di raccontare l’America nei suoi tratti più veri, accetta l’incarico di buon grado e lavora con la consueta rapidità, elaborando la prima stesura dell’opera tra il 31 dicembre 1952 e il 26 gennaio 1953 e completando l’orchestrazione tra il 28 aprile e il 9 maggio 1954. A proposito del testo poetico, egli scriverà qualche anno dopo: 

È difficile dire in cosa consista il suo fascino: poiché la trama è semplicissima e quasi inesistente. […] Ma quello che c’è, è una straordinaria atmosfera: prima di tutto c’è questo senso migratorio e vagabondo che è così caratteristico della gioventù americana, questo vago senso di scontento che li spinge sempre all’avventura. E poi c’è questo senso mirabile del paesaggio, delle distanze, dei grandi spazi.

La partitura non reca indicazioni sulle modalità della messa in scena, al punto che è difficile capire persino se gli autori abbiano pensato il rapporto tra la musica e il testo come un rapporto di sovrapposizione o di giustapposizione. A differenza di quanto accade in altre opere del compositore, come nel più tardo Platero y yo (in cui l’abbinamento tra le singole parole del testo e la musica è determinato con estrema precisione, quasi sillaba per sillaba), Morning in Iowa non stabilisce una corrispondenza precisa tra poesia e note. Ogni brano musicale è identificato con i primi versi del passo per cui è stato composto: tradotto in termini pratici, questo può significare che l’accompagnamento musicale deve cominciare esattamente su quei versi, oppure (come sembra più verosimile) che il brano musicale è concepito per fare genericamente da sottofondo a quel frammento di testo, e che pertanto esso può essere spostato avanti e indietro a discrezione degli interpreti. Alcuni brani, come il tema di Mary Hilda, possono con pari efficacia precedere la lettura dei versi a cui si riferiscono, così da preparare il lettore all’entrata in scena dei personaggi, o sovrapporsi completamente alla narrazione; altri, molto brevi, possono essere usati senza interventi del narratore, per creare un ponte tra scene diverse; altri ancora, lunghi e complessi (è il caso di The rain), si prestano a una lettura ricca di pause e di riprese. Sembra dunque ipotizzabile una soluzione elastica, in cui musica e testo procedono ora con perfetta sincronia – preventivamente concertata tra narratore e musicisti –, ora con maggiore libertà, e alternano momenti di autonomia a momenti di piena fusione.

[Il lavoro] è simpatico e fresco, e credo che potrebbe avere molto successo. Ma soprattutto mi divertirebbe far vedere ai miei colleghi americani che, se voglio, so essere più americano di loro.

La musica di Morning in Iowa testimonia in modo esemplare quell’eclettismo che caratterizza molte delle opere scritte da Castelnuovo-Tedesco negli anni ‘40 e ‘50. In essa il compositore amalgama con la propria inconfondibile vena melodica e con la propria sapienza tecnica elementi eterogenei (mutuati dalla tradizione popolare europea e nordamericana, da quella degli indiani d’America, dal blues e dal country), raggiungendo una formidabile sintesi musicale: una sintesi dal sapore autenticamente “americano” che getta luce su quel tormentato percorso di assimilazione compiuto da molti intellettuali europei, costretti dalla guerra a ridefinire il proprio ruolo e la propria identità culturale nel Nuovo Mondo.

Lorenzo Micheli – Milano, novembre 2010

Per una trattazione più approfondita degli argomenti toccati in questa prefazione, si veda: Lorenzo Micheli, Mario Castelnuovo-Tedesco: una vita di musica, parte I-VI, in Il Fronimo, nn. 137-142, Edizioni Il Dialogo, Milano 2007-2008.

Con l’eccezione di alcuni emendamenti ex ingenio, questa edizione riproduce fedelmente il testo del manoscritto autografo della partitura, compresi i passaggi ineseguibili presenti nelle parti di fisarmonica e chitarra.

I miei ringraziamenti più sinceri vanno a tutti quelli che nel corso degli anni mi hanno aiutato a portare a termine questo lavoro: Lisbeth Castelnuovo-Tedesco e Angelo Gilardino; Catherine C. Rivers e tutta la Music Division della Library of Congress; Massimo Felici, che ha studiato in ogni minimo dettaglio la partitura e che ha contribuito in modo determinante a risolvere il problema del rapporto tra testo musicale e testo poetico; Giorgio Dellarole, senza il cui lavoro la parte di fisarmonica sarebbe rimasta un mistero indecifrabile; David Knopfler, che ha preso a cuore fin dal primo momento Morning in Iowa ed è stato interprete della prima registrazione discografica; Angelo Montanaro, Daniele Depascalis e Daniele Vineis, che hanno restituito un corpo sonoro alle pagine della partitura.